Pubblicato da: Redazione | luglio 9, 2011

Via Kobler, bagarre in Municipio. La cronaca, le decisioni e i nomi dei politici che hanno votato

Purtroppo dobbiamo rendere nota una brutta pagina di politica del nostro Municipio che si è consumata nella giornata di ieri. Il Consiglio tematico su via Kobler tenutosi ieri 7 luglio 2011 alle ore 15 ha visto schierati all’unisono maggioranza ed opposizione tranne rare eccezioni. Alla presenza di un’aula gremita, più di trecento persone, il progettista incaricato dal Dipartimento VI del Comune ha spiegato, in maniera farraginosa ed incompleta, essendo in palese difficoltà, il tracciato, dichiarando apertamente che da due corsie proposte dal Municipio, sarà presumibilmente portato a 4 per consentire il flusso di auto proveniente dal Grande Raccordo Anulare. La maggioranza ha poi illustrato la sua idea del tracciato, che prevede lo sbocco da più parti: via Kobler-via Luca Gaurico, Via Kobler –Via di Vigna Murata, Via Kobler-Via Rogacci (Via Cerva/Stefano Gradi). E’ stato in questo senso prodotto un ordine del giorno votato da ben 17 consiglieri tra maggioranza e opposizione. La maggioranza, infatti, da sola non ce l’avrebbe fatta.

I Consiglieri Aloisi, Caggiano, Tortosa e Pollak, si sono allontanati dall’aula. Dell’opposizione hanno votato contro i consiglieri Spadaro e Siracusa, i quali hanno, altresì, votato a favore di un altro ordine del giorno, presentato dalla Cons. Spadaro e firmato dal Cons. Vecchio, che è stato osteggiato dal PDL, UDC, PD e parte dell’API con il quale si chiedeva, previa sospensione dell’iter della conferenza dei servizi, la cancellazione dell’asse stradale via Kobler-via Gaurico nel suo precorso attuale, ovvero sul Fosso della Cecchignola, prevedendo di converso un percorso della stessa attraverso il troncone via Kobler-poligono pionieri, ovvero quella relativa al poligono pionieri – via degli arditi, la previsione della realizzazione della pista ciclopedonale lungo il Fosso della Cecchignola, con utilizzo degli oneri concessori della convenzione Cecchignola Ovest per garantire la realizzazione della scuola media nel quartiere Cecchignola Sud e un sistema di mobilità pubblica su via della Cecchignola collegata al corridoio per la mobilità previsto dal progetto, oltre alla definizione del  parcheggio di scambio via di Tor Pagnotta come infrastruttura utile per lo scambio mezzo privato-ferro.

Il Centro Sinistra, quindi, si è spaccato in due. Va detto che nel corso del Consiglio è emerso che i militari della Cecchignola con lettera del 15 novembre 2010 hanno dato la propria disponibilità (lettera dello Stato Maggiore dell’Esercito) a far passare il tracciato di via Kobler all’interno della loro area, a costo zero, all’altezza del Poligono di Tiro Pionieri Lato Nord. Tale soluzione comporterebbe un risparmio economico notevole e la possibilità di devolvere parte degli oneri concessori delle nuove cubature in arrivo a un serio potenziamento della mobilità pubblica, oltre alla costruzione di servizi per il quartiere Cecchignola sud. I militari in tal senso hanno disegnato appositamente il tracciato, fornendolo alle autorità comunali competenti. Il tutto ovviamente con la salvaguardia dell’area verde che si trova di fronte al ns parco Belvedere.

Ci si chiede perché non sia stata assolutamente presa in considerazione dal Municipio, anzi per ben 8 mesi si è lavorato ad altro! Va informata la cittadinanza che dall’inizio del mese di maggio il Cdq sta chiedendo un appuntamento al Presidente Calzetta senza ottenere riscontro avente ad oggetto via Kobler e la questione attinente ai parcheggi di Statistica 2000. In allegato per completezza informativa trovate l’Odg poi votato ed approvato. Lo stesso è stato presentato a firma congiunta da De Iulis (PDL) Contenta (PD) Barbato (UDC) Culasso (API), Scelzi (API). Si precisa, altresì, che nel corso del Consiglio non sono state tenute in alcun conto le rimostranze cittadine né le alternative proposte di viabilità ivi compresa una possibile mobilità pubblica.

La mobilità è un servizio che lo Stato dovrebbe valorizzare attraverso il trasporto pubblico: incentivandolo, rendendolo fruibile, fornendo un’alternativa all’uso dell’auto. Numerosi studi scientifici nazionali e internazionali sulla gestione della mobilità metropolitana suggeriscono, infatti, che gli ampliamenti della viabilità di scorrimento debbano essere sempre accompagnati da un aumento di offerta del trasporto collettivo, pena la rapida saturazione della capacità di trasporto delle nuove carreggiate causata dal traffico indotto, l’aumento di traffico indotto sulla nuova viabilità può essere tale da annullare rapidamente l’effetto di riduzione di emissioni inquinanti dovuto alla iniziale fluidificazione dei flussi. Questo progetto è privo di offerta di trasporto pubblico, tale da consentire alla cittadinanza di non utilizzare le auto. Non basteranno i soldi previsti (circa 20 milioni di euro su carta) e il Comune una volta svincolata l’area con l’inizio delle opere si vedrà presumibilmente costretto dinanzi a progetti presentati per il completamento dell’opera a dover nuovamente investire con il consolidato sistema di nuove cubature e concessioni in luogo di oneri concessori. Il tutto sempre a danno dei cittadini.

Il Cdq Vigna Murata considera questa proposta di declassamento contraria agli interessi dei cittadini e inattuabile, sembrando forse un modo per evitare la valutazione di impatto ambientale (V.I.A.) che di contro dovrebbe essere effettuata se il progetto rimanesse a 4 corsie, oltre alla normativa europea di riferimento.

Vi terremo informati sulle prossime iniziative da intraprendere per la salvaguardia del ns quadrante e sulle prossime mobilitazioni che saranno organizzate.

Il Cdq

MATERIALI DA SCARICARE:

L’intervento del CdQ durante il Consiglio municipale

ODG VIA KOBLER PDL-PD-UDC API

ODG via kobler SINISTRA ARCOBALENO

DOSSIER VIA KOBLER, IL PROGETTO E LE PROSPETTIVE

Annunci

Responses

  1. Io ero presente in aula e come già sottolineato da più voci, è stato veramente squallido vedere una farsa del genere.
    Ci tengo solo a precisare che questa gente non mi rappresenta, non hanno deciso per me e non mi faccio prendere per il culo.
    Uniti e convinti ci opporremo fino alla morte.

  2. Non sono rimasta meravigliata più di tanto da quanto accaduto al consiglio. Mi auguro però che tali eventi facciano riflettere su quanta importanza ha riappropiarsi della politica, di una politica sana , pulita e non schiava di interessi delle lobbies che governano realmente la capitale. La grande partecipazione all’evento e l’intervento puntuale e coraggioso del consigliere Spadaro mi hanno comunque confortato e dato speranza. Pertanto continuiamo tutti insieme a sostenere coloro che portano avanti le nostre – più che giuste – ragioni.

  3. Spero che alle prossime elezione la gente si ricordi di costoro che anzichè fare gli interessi della comunità pensano solo ai propri di interessi.Il perchè è presto chiarito dal fatto che una volta eliminato il Parco col passaggio della tangenziale i terreni limitrofi potranno essere edificabili! Chi fa gli interessi dei costruttori?? Cui prodest questo progetto di cementificazione??
    Le nostre urla e l’indignazione sono caduti nel vuoto, considerando anche che il sig.Calzetta è stato quasi sempre assente, così come la sib.ra Barbato e Culasso!!

  4. Spero davvero che riusciremo a fermare lo scempio. Era la prima volta che assistevo ad un Consiglio Municipale e lo sconcerto è stato tanto. Non ho mai sentito tante assurdità ed imprecisioni nell’intervento dei politici, per non parlare della loro arroganza e presupponenza. Dobbiamo assolutamente fare in modo che non ricoprano più questi incarichi!
    Bisogna serrare i ranghi e continuare a farci sentire!

  5. Ciao a tutti,
    io non c’ero ma i vostri racconti mi inquietano. Che ne dite di chiedere le dimissioni in massa di questi nostri politici municipali che non ci rappresentano?
    Gianni

  6. E’ pazzesco! Non capisco come è solo immaginabile pensare di percorrere questa direzione oggi nel 2011 verso un totale scempio di uno dei paesaggi più belli che ancora resistono entro Roma! Ancora una volta siamo qui a parlare di politica lontana dalla realtà territoriale che dovrebbe rappresentare e tutelare. Sono curioso di sapere quanti dei consiglieri presenti che hanno votato sono mai andati di persona a rendersi conto delle conseguenze del loro voto. De Iulis (PDL), Contenta (PD), Barbato (UDC), Culasso (API), Scelzi (API).. non dimenticheremo questi nomi. E’ il momento che ognuno si assuma le sue responsabilità per oggi e soprattutto per quello che sarà il futuro di certo non sostenibile per i quartieri che verranno realizzati.
    Ci siamo veramente stufati e non molleremo!!!
    Una città vivibile è un nostro diritto ed un dovere di voi consiglieri che prendete un stipendio per realizzare questi obiettivi. In qualsiasi azienda privata sareste stati allontanati subito.

  7. […] uno dei pochi polmoni verdi rimasti nella Capitale, il Fosso della Cecchignola. In un acceso consiglio municipale a cui hanno partecipato circa duecento cittadini e una trentina di associazioni contrarie […]

  8. Io voglio far sentire invece la “mia” voce stonata dal coro – quello del CDQ – ma in sintonia con i Consiglieri del XII Municipio che con alto senso di responsabilità hanno fornito alla nostra cittadinanza un progetto di pianificazione utile per programmare il nostro futuro.

    Sono altresì molto critico con il CDQ che non fornisce una corretta informazione e non documenta adeguatamente le motivazioni che spingono responsabilmente i nostri amministratori a fare delle scelte forse poco gradite ma amaramente necessarie per garantire la vivibilità della nostra città.

    Dice il Comunicato del CDQ “ha spiegato, in maniera farraginosa ed incompleta, essendo in palese difficoltà, il tracciato dichiarando apertamente che da due corsie proposte dal Municipio, sarà presumibilmente portato a 4 per consentire il flusso di auto proveniente dal Grande Raccordo Anulare.”

    E’ proprio questo il punto del contendere che né le tavole rotonde del M.A.R.S. – Mobilità e Ambiente Roma Sud né l’attività politico-propagandistica della Spadaro, della Canale e di Vecchio spiegano: quanto viene stimato l’incremento di traffico previsto conseguente all’innesto della “nuova Pontina” e al nuovo svincolo del GRA sulla via Cecchignola?

    E’ questo il quesito per una corretta programmazione urbanistica a cui i tecnici devono rispondere per poi fornire ai progettisti gli elementi per il dimensionamento viario che hanno portato alla necessità della tangenziale Kolbe.

    Ahimè dichiaro fin da adesso che non ho partecipato né alle riunioni né al consiglio, per cui posso giudicare per quello che ho letto e visto. (le presentazioni su Youtube, anche se sfocate, sono comunque comprensibili e ben fatte).

    Su tutte le presentazioni manca – a mio personale avviso – il dato fondamentale di progetto: ma quale sono i numeri su cui stiamo ragionando?

    Ho già detto che approvo le decisioni del XII Municipio e vi spiego il mio punto di vista.

    Anche se sono domiciliato a Roma da sempre sono residente nel Veneto, in provincia di Treviso, da un ventennio amministrata dalla Lega. Ebbene quello che accade nei nostri quartieri è stato vissuto già dalla metà degli anni ’80 nella mia regione, dove il Malgoverno democristiano romanocentrico aveva provocato un risultato simile a quello nostro: un ritardo cronico degli investimenti infrastrutturali soprattutto nella viabilità, nella Sanità a e nel trasporto pubblico. Che cosa è successo con l’entrata della Lega nella macchina ammnistrativa? Sono state ascoltate le esigenze delle persone e sono state date delle risposte immediate: prima opere viarie, per risolvere i problemi del traffico, poi la salute e infine – senza trascurarlo affatto – il trasporto pubblico, la sostenibilità ambientale, le piste ciclabili, le oasi di rispetto naturalistico e quant’altro. Andate a vedere e vi convincerete anche voi – a parte le boutade sulla secessione – che sono provincie e regioni bene amministrate.

    Secondo me è il metodo che dovremmo adottare anche a Roma, ma da quello che vedo le beghe ideologiche e le carriere politiche prevalgono sul raggiungimento del bene ultimo che deve essere quello di chi fa politica: perseguire il bene comune.

  9. Ma come si fa a ragionare così? proprio tu che abiti in Veneto in una delle regioni che sono state e continuano ad essere stravolte da questo “progresso” della mobilità. Strade, superstrade, tangenziali. Fra poco per avere un campo libero lo dovrai guardare in cartolina. Guarda un po più in là (Friuli) per vedere qual’è la vera civiltà del progresso. No alla nuova tangenziale!

  10. Caro Tonolo,
    Le ripeto ancora una volta che io non faccio propaganda politica per NESSUNO. Spero di essere stata chiara. Se lei fosse stato presente in Municipio giovedì scorso avrebbe verificato in prima persona gli accadimenti. Ma quando deve esserci non c’è mai….eppure tanti elettori di centro destra in aula c’erano ed erano tutti imbufaliti ed indegnati. Possibile che Lei debba sempre pensare che chi la pensa diversamente fa politica e Lei solo è dalla parte del giusto? Nell’idea del Municipio XII c’è solo una strada ad alto impatto ambientale e dai costi spropositati che invece costerebbe meno se passasse dai militari che hanno dato l’autorizzazione. Che c’è di male a chiedere di rivedere il percorso in senso più economico utilizzando le risorse disponibili per infrastrutture dei mobilità dei quartieri interessati? Non è forse questo un interesse pubblico degno di questo nome? In conclusione le infrastrutture servono ma i soldi pubblici devono essere ben spesi non buttati dalla finestra.
    La saluto
    Carla Canale

  11. caro Avv. Canale

    vado di corsa e non rileggo mai le cose che scrivo – ma credo che su un blog sia lecito essere informali.

    Non fraintendermi.

    Anche io sono amareggiato del progetto della tangenziale e sono sinceramente convinto che esso abbia un impatto devastante sul territorio.

    Voglio però ragionare sui numeri e immaginare degli scenari realistici, che non siano le piste ciclabili o le metropolitane “utopistiche”, viste le risorse finanziarie inesistenti. Quello che chiedo è una attenta valutazione “dei dati progettuali” per capire se l’allargamento della via della Cecchignola e il transito della città Militare siano sufficienti ad assorbire l’incremento del traffico previsto dalla nuova Pontina. Ho paura di no e che siano queste le analisi alla base di questa attività programmatoria del Comune.

    Chiedo di più un analisi “ingegneristica” e “probabilistica” per capire veramente di cosa stiamo parlando e se davvero le proposte illustrate dal MARS siano concrete.

    Perchè di indigni tanto se ti dico che fai “politica”? Dai nostri studi classici ne ricavo che, secondo un’antica definizione scolastica, significa l’Arte di governare le società. Il termine, di derivazione greca (da polis “πόλις”, città), si applica tanto all’attività di coloro che si trovano a governare quanto al confronto ideale finalizzato all’accesso all’attività di governo o di opposizione. Mi sembra una definizione alta e nobile, che ti riconosco e non voglio denigrare. Ci mancherebbe. Tu fai propaganda per il partito del “NO” alla tangenziale. Cosa del tutto lecita.

    Ma anche io mi ritengo nel giusto nel proporre una analisi più approfondita della questione prima di giudicare. Non voglio assolutamente avere ragione, ma proporre un confronto.

  12. Un ringraziamento speciale a Carla Canale che senza nessun interesse nè politico nè tantomento economico si batte per il vero “pubblico interesse”. Mi domando come si possa ancora oggi discutere sulla validità di un progetto che distrugge una delle poche aree verdi della città … è pura follia!!! Continueremo a batterci nel rispetto del principio di legalità di cui i nostri politici fanno scempio quotidianamente

  13. […] uno dei pochi polmoni verdi rimasti nella Capitale, il Fosso della Cecchignola. In un acceso consiglio municipale a cui hanno partecipato circa duecento cittadini e una trentina di associazioni contrarie […]

  14. Se i militari offrono a costi irrisori l’alternativa alla TANGENTziale KOBLER a creare o mettere a disposizione le strade ora chiuse al traffico ad un costo vicino a zero dovranno spiegare quelli che hanno votato IN MUNICIPOI 12 COME MAI VOGLIONO SPENDERE 25 /50 MILIONI DI EURO se non serve? SONO SOLDI LORO O SONO SOLDI NOSTRI? in realta pare si tratti di oneri concessori…soldi dovuti dai costruttori al comune….
    LA CORTE DEI CONTI SU QUESTI possibili SPRECHI POTREBBE INDAGARE?
    han progettato e ora creato il corridoio della immobilità 163 mln che so sicuro diventeranno poi 250 milioni di euro
    ma non era meglio prolungare la metro b fino a Trigoria?
    QUANTO COSTEREBBE FARE LA METROPOLITANA DA LAURENTINA A TRIGORIA CONSIDERANDO CHE ORA SI SCAVEREBBE IN GALLERIA SOTTO IL PIANO DI CAMPAGNA? infatti scavare sotto un quartiere come a viale libia costa 150 milioni di euro al km ma sotto la campagna NON PUO’ COSTARE COSì TANTO? ECCO PERCHè NON VOGLIONO FARE LA METRO ADESSO COSTEREBBE TROPPO POCO…
    QUANDO NEL QUADRANTE SUD EST CI SARANNO 50 MILA ABITANTI IN PIU’ RISPETTO AD ORA-PERCHè COME HA DETTO QUALCHE CONSIGLIERE I COSTRUTTORI CEMENTIFICHERANNO DALL’ARDEATINA A CECCHIGNOLA E TOR PAGNOTTA…

    si dovrebbe contestare a chi ha progettato il corridoio mobilità gli alti costi
    163 milioni di euro per fare carotaggi e indagini archeologiche, rompere asfalto, posare i binari
    ci venivano fatti 5 km di metropolitane nel 2000 oggi i prezzi son lievitati

    interessante questo rapporto dei grilli romani sulla lievitazione dei costi della metro C

    http://www.grilliromani.it/attachments/article/147/rapportoMetroC.pdf

    se i militari ci offorno gratis(o quasi) la possibilità di utilizzare loro aree e i politici invece insistono per la superstrada SPIEGHINO perchè.?.)
    c’è anche la possibilità di valutare se esistono gli estremi per una denuncia alla corte dei conti per lo spreco di denaro pubblico
    infatti fare una tangenziale a questi costi quando c’è la disponibilità dei militari a mettere a disposizioni strade alternative praticamente gratis voi come lo chiamate ?…
    se uno guarda su google map
    dal satellite di alternative ce ne sono a decine
    stranamente hanno optato così…quale logica usano i politici quella vulcaniana?
    aspetto l’elenco completo dei politici che hanno votato per questa scelta
    spero che ci siano tutti


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: